venerdì 30 novembre 2012

giovedì 29 novembre 2012

I più antichi scarabei sardi: XVII-XI sec.a.C.

di Atropa Belladonna

[...] A questo proposito, si deve esporre l'opportunità di considerare probabilmente diverse le modalità di diffusione degli scarabei egiziani “classici” da quelle degli esemplari egittizzanti naucratici e menfiti: i primi possono essere giunti in Sardegna in epoca imprecisabile e per via diretta, differente quindi da quella che seguirono gli scarabei del secondo tipo [..] (1, pg. 102)

Tale “opportunità da considerare” dal 1975 non l’ ha più  considerata nessuno, nemmeno la Scandone stessa. L’ipotesi le fu suggerita - tra le altre cose- da un fatto che lei stessa documenta, dettagliatamente, nel suo libro: l’ esistenza di 14 scarabei  riportabili ad un’epoca molto antica; specificamente tra l'inizio della dominazione Hyksos nel delta - ca inizi del XVII sec. a.C.- per arrivare alla fine del Nuovo Regno con Ramesses XI (ca. 1080 a.C.), 600 anni di storia (2). Ecco la lista di questi 14 con una sintetica spiegazione, approssimativamente in ordine cronologico (1):

mercoledì 28 novembre 2012

Sa còrdula e sa perda de bati

de Efisio Loi

         M’istu Buicu nci teniat sa butega in-d unu basciu de via Canelles in Casteddesusu. S’arti dd’iat imparara a piciocheddu piticu; sabbateri fu’ nasciu, si pori nai, e sabbateri iar' essi mortu.
         A sa Becia cun sa farci furistera, comenti dd’iat bia in is lastras antigas de marmuri in Cattedrali o in su Campusantu Monumentali de Bonaria, nci pensara, de tanti in tanti, giai de unu bellu pagu. Non fu’ prusu unu piciocheddu; fiara prus a curztu de is otanta che de is setanta. Cun s’erari si fia’ fatu arrevèsciu, de passièntzia ndi ddi iar' aturau mesu pagu.
         Ma sa dì fur' allirgu. Cosa de no crei, una o duas bortas a su scienteddu suu dd’iara tzerriau ‘Fisieto’. Fìara sa dì de Santu Sarbarori, s’onomasticu cosa sua, e a tziu Buicu, sa mulleri dd’iara cuxinau una bella corduledda cun pisurci gevi gevi. Sinci dd’iara gia portara a butega acumpangiara cun mesu litru de i-cussu bonu.
         Depeisi sciri ca tziu Buicu a mesudì non furriara, prandìara sempri in butega. Sceti ca su prangiu non fur' a cordula cun pisurci o cositeddas de aici, cun mesu litru po aciunta; su smurzu fiara: pani e cicoria o pani e casu, pagu, o duas patatas cotas a buddiu o un ou cotu a tostau. Po sa cosa de bufai, s’acua fu sempri pronta in sa carrafina, cantu ndi bolìara.

martedì 27 novembre 2012

Sardinian bronzetti: back to Bronze Age


The daily L' Unione Sarda has recently published novel results emerged from a 5-year excavation project at the Giants' grave of Orroli, nearby the famous nuraghe Arrubiu (1). The new finds, from an undisturbed context, confirm that the renowned nuragic bronzetti date back to Bronze Age, specifically to the XIII-XII century BC, and not to the Iron Age as previously believed. Archaeologist Mauro Perra explains how important is this discovery to update the history of Sardinia. The new results corroborate previous studies published in 2010 and 2008 by archaeologists Franco Campus, Valentina Leonelli, Fulvia Lo Schiavo (2) and Maria Rosaria Manunza (3). Sardinian bronzetti, exquisite bronze figurines  of nuragic culture, are finally back to their future. You can watch a video on the discovery at Orroli here.

(1) S. Sirigu, I segreti del Gigante Rosso, L'Unione Sarda, 20.09.2012 (rassegna stampa , DIREZIONE REGIONALE BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DELLA SARDEGNA)
(2) F.Campus, V. Leonelli, F.Lo Schiavo, 2010, La transizione culturale dall'età del bronzo all'età del ferro nella Sardegna nuragica in relazione con l'Italia tirrenica, Bollettino di Archeologia on line I 2010/ Volume speciale F / F2 / 6,
(3) M.R. Manunza, 2008, La stratigrafia del vano a di Funtana Coberta (Ballao - CA), in  FOLD&R: 120

domenica 25 novembre 2012

Un coccio (mai) lanciato nello stagno di Prama

di DedaloNur

Disegno di Enzo Marciante per Leonardo Melis
Talvolta gli archeologi sembrano restii a voler coronare le loro fatiche con gli allori meritati. Forse esiste un sasso in grado di smuovere la palude di Prama e con essa la storia sarda. Si dice abbia foggia, colori, impasto di tipo punico  (io non ricordo di averlo mai visto, però mi fido), e a trovarlo sotto cumuli di statue spezzate furono proprio gli archeologi nella palude di Prama. Considerando anche questo, bramerei ancor di più che a maneggiarlo e a lanciarlo, fossero sempre loro:   i competenti. Mentre tutti, in una chiassosa distrazione di massa,  si scannano come tigri dai denti a sciabola sulla data di creazione delle Statue, sulla esistenza di templi in stile ateniese con tanto di telamoni, su valore e significato delle statue più qualche altra amenità come quella dei pugili-corridori, niente o quasi vien detto sul rapporto tra codesti cocci punici ed il momento nel quale  i Giganti furono abbattuti. Ma non è forse questo, un tema altrettanto importante quanto la data della loro creazione? E non è, al contrario di quest'ultimo problema, più efficacemente documentato dal punto di vista archeologico, da dei bei e noti cocci in stratigrafia,  tutti sigillati e preservati da un grosso cumulo di detriti?

venerdì 23 novembre 2012

Iscrizioni neolitiche?

La notizia è comparsa su La Nuova Sardegna, domenica 18.11.2012 e ci è stata segnalata da Umberto Amedeo Ciaramella. Non desideriamo commentarla a lungo. Da quel che si capisce il calco ritrovato è sovrapponibile alla foto scattata da G.R. Pirozzi negli anni '70. Che è poi la foto  apparsa nel 2010 sul blog di Gianfranco Pintore (1) (sarebbe il "sul web nell' ultimo periodo" di cui si parla nell' articolo). 

In realtà la presenza nuragica nella grotta, di cui Lilliu era ben consapevole (2), ci fu:  secondo i dati di scavo fu limitata all'VIII-VII secolo-quindi epoca nuragica avanzata. Ma vi fu. Pur di non riconoscere l' evidenza, nell' articolo si parla addirittura di "iscrizioni lasciate dai nostri progenitori del Neolitico". 

(1) G. Cannas, Caspita! Un'iscrizione protocananaica nella Grotta Verde di Alghero, 25.11.2010; G. Pintore, La Grotta verde riapre. A quando anche il suo mistero? 27.03.2011; (2) G. Lilliu, Le grotte di Rureu e Verde nella Nurra di Alghero (Sassari), in «Atti dell’Accademia Nazionale dei Lincei», Rendiconti, V, serie IX, fasc. 4, Roma, 1994, pp. 629-690.; (3) G. Sanna, Anfora con scritta di S'Arcu 'e is Forros. Garbini: in filisteo - fenicio. No, in puro nuragico, gianfrancopintore.blogspot.it , 10.09.2012

giovedì 22 novembre 2012

Cantu fut bella s’istadi

de Francu Pilloni

Cantu fut bella s’istadi. Cantu fut bella a mericeddu. Fut bella s’istadi sendu pipiu, candu a merì ponìa sa conca asuba de is genugus de iaia Peppìca e issa cumenzàt cun is contus. Cun s’oghiada mi perdìa me is cuccurullius de is montis chi mi serrànt s’orizzonti prus strimu che largu, in s’ora chi su soli mandàt is urtimus saludus. Ddus connoscìa unu po unu cussus cuccurus, is manus, is concas, is schinas de marragottis pintaus in una costera, mentris a s’atera facci distinguìa a trettus alas de angiulu, coddus de ominis coraggiosus e de pipius accrunotaus, chi aintru de mimi equilibrànt sa scuscia e sa fidi. Po donnia umbra figurada ddoi fut unu contu de timorìa, de imbrollius, de furbesa e de coraggiu, e nonna mi ddus hiat contaus totus centu bortas. Su cuccurilliu prus artu fut de Giuanni-crabaxu, aundi crabaxu est po su mistieri no po sangunau.

Foto del giorno


Segni ad 'ankh (Tanit?) con "testa" a rombo. Si noti la reiterazione del 4 con i 4 segni a 3 cerchi concentrici nello scarabeo a sinistra, forse di epoca ramesside. Vd.  anche G. Sanna, Tanit, il Toro eterno celeste e i versetti 3 e 4 del libro della Genesi (II), 21.11.2012

mercoledì 21 novembre 2012

Tanit, il Toro eterno celeste e i versetti 3 e 4 del libro della Genesi (II)

# Gigi Sanna e il codice nuragico

di Gigi Sanna (parte II di III, vd. I parte)

Dedicato ad Ilaria

Figura 1                                                      Figura 2

1. I 'marcatori'  di Aba Losi.

La studiosa parmense Aba Losi in due recenti articoli (1) che costituiscono, per l'impegno documentario e la ricerca,  un vero e proprio saggio scientifico circa la tipologia del simbolo a Tanit e la sua diffusione nel tempo e nello spazio (Anatolia, Mezzaluna fertile, Egitto, Egeo e Sardegna), individua  attraverso un sistema di  10 'marcatori'  le differenze di immagine e così li elenca :


1. Tanit con le gambe aperte

2. “   con il corpo a triangolo
3. “   con il 'farfallino'
4. “   con le braccia alzate
5. “   con le braccia aperte oppure con un farfallino schematizzato
6. “   con la forma o la grandezza della testa particolari
7. “   con elementi aggiuntivi 
8. “   capovolte
9. ''   con 'mostruosità' 
10. “   con i seni

The incredible case of the sherds from Orani and the archaic Tanit of Sardinia

by Atropa Belladonna
(Translated from a previous post, I thank Andrea Lisci for his kind collaboration)

On this page you'll find a brief preface from myself and, hugely more important, the story of sherds found at Orani (NU, Sardinia) in 1994, recalled on the magazine Nuoro Oggi by Giulio Chironi - one of the main players of this case story - in 1996. You can skip my preface at will, but I strongly recommend the reading of Chironi's chronicle: it won't take more than ten minutes. I can hardly stress how important this is, for two reasons: first, I hope it will cause you an adrenalin shot; second, for what I will illustrate in my preface, because  S'Arcu e is Forros is changing, once more, everything. And  once more puts eveything under discussion.  

Figura 1: a. Bronze pendant form the nuragic site of  S'Arcu e 
is Forros (XII-VII c. BC) . b. one of the four sherds from Orani

martedì 20 novembre 2012

Ma, i Sogni, diventano Pietre?

di Mikkelj Tzoroddu 

Dal sito Dienekes, il 9 c.m. prendiamo notizia di una nota pubblicata su  altro sito, LiveScience, dal titolo: “Otzi the Iceman's (l’Uomo di Ghiaccio o di Similaun, ndr) Genes Reveal Central European Birth, But Sardinian Relatives”. La nota di Tia Ghose, LiveScience Staff Writer, è pubblicata il 9 novembre 2012. Qui è la traduzione, intercalata di nostri commenti.

San Francisco. - Come dimostra una nuova ricerca, Oetzi l’Uomo di Ghiaccio, una  mummia straordinariamente ben conservata del neolitico, trovata nelle Alpi italiane nel 1991, era nativo dell’Europa centrale, non un immigrato della Sardegna di prima generazione. E, geneticamente, somiglia molto ad altri contadini presenti nell’Età della Pietra in tutta Europa. Le nuove scoperte, riportate giovedì (8 novembre) qui alla Conferenza della Società Americana di Genetica Umana (ASHG 2012), sostengono la teoria che gli agricoltori, e non proprio la tecnologia dell’agricoltura, si diffusero durante i tempi preistorici dal Medio Oriente lungo tutto il percorso fino in Finlandia.
Il coautore della ricerca Martin Sikora, un genetista della Stanford University ( postdoctoral scholar, con master in biotecnologie a Vienna nel 2004, ha pubblicato 17 lavori, ndr), ha ribadito il concetto affermando: ”sul propagarsi di coltivazione e agricoltura, proprio ora abbiamo una buona prova che esso fu associato ad un movimento di popolazioni e non soltanto al diffondersi di tecnologie”.

lunedì 19 novembre 2012

Foto del giorno



Museo Archeologico Nazionale di Nuoro, Nuraghe Nurdole, conci di trachite

M.A. Fadda, Nurdole- Orani-Un tempio nuragico in Barbagia, punto d’incontro di grandi civiltà. Rivista di StudiFenici – Vol. XIX, 1- 1991
G. Sanna, a. La tavoletta di Loghelis. Decorata? No, raffinatamente scritta, 29.03.2011; b. Nurdole di Orani. Decorazioni? No, scrittura potente (II), 12.04.2011; c. L'emblema del Museo archeologico di Nuoro. Decorato? No, scritto (III), 17.05.2011

sabato 17 novembre 2012

I bagni fenici dentro i Nuraghi

di Stella del Mattino e della Sera

Dei Fenici si sa poco e niente. Per colmare la lacuna si scrivono su di loro lunghissimi romanzi di fantascienza che vanno a ruba specialmente nelle scuole e negli istituti di educazione superiore. “Che non si abbia a dire che siamo qui a rubare lo stipendio!” dicono gli autori.

Bisogna sapere che a casa propria il fenicio si annoiava a morte. Per quello si mise a solcare i mari in lungo e in largo per soddisfare i propri vizi. Era un caposcarico e aveva la mania degli scherzi. Uno dei migliori era quello di fingersi straniero. Quando qualcuno diceva “Guarda: un fenicio!” egli simulava stupore. O forse non simulava: in patria nessun fenicio mai si sognò di chiamarsi fenicio. Forse questo primo scherzo fu fatto a lui e non viceversa.

Il secondo scherzo più bello fu l’alfabeto. Perché: in patria sapevano scrivere lo 0.01 %. Però: le lettere circolavano anche nei bassifondi del porto e lui prima di partire per il solcaggio dei mari se ne infilava un tot nella sacca da viaggio. Dovunque arrivava andava un po’ a memoria un po’ a caso e metteva insieme delle lunghe teorie di caratteri per stupire e tenere calmo l’indigeno riottoso. Da duecento anni gli autori dei romanzi provano di decifrare questi testi per guadagnarsi la pagnotta. Finora l'hanno passata liscia. Un domani non si sa.

Il terzo scherzo più bello fu quello dei bagni. 

giovedì 15 novembre 2012

Il Ka-Re egizio, il Nur-'Ak sardo e il criptogramma di Hatshepsut

di Atropa Belladonna


Figura 1: sin, il criptogramma  Maat-ka-re (Ureo-corna-sole)
su una statua della regina Hatshepsut che la rappresenta come 
la dea Mut (MET.LL.00859,The Virtual egyptian museum)dx, 
base di amuleto in forma di ichneumon (Museo di Cagliari) (4). 
Senemut, l' uomo forte della regina Hatshepsut (1479–1458 a.C.), si vantava di avere inventato segni che neppure gli antichi conoscevano (1). Il suo criptogramma più particolare e caratteristico, spesso e volentieri tridimensionale, è quello dove la dea Maat viene rappresentata come ureo (figura 1), utilizzato per scrivere il nome reale della regnante: Maatkare. Il tempio di Deir-el-Bahari lo mostra ripetutamente (2), la regina lo "indossa" in due rappresentazioni scultoree di se stessa nelle vesti di Mut e  HathorLa lettura è semplice e nello stesso anomala: Maat viene rappresentata come ureo, mentre un segno ka peculiare - decisamente a corna- regge il disco solare re. Questa è la forma per così dire abbreviata e sintetica del crittogramma. Ne esistono varianti, la piú nota é quella presente nella statua di Senemut stesso, dove il segno ka é reiterato e reso piú esplicito, a reggere l´ureo (figura 2). Nella statua di Hatshepsut nelle vesti di Hathor, é ka-re ad essere reiterato sulla testa della regina, e si noti anche l´aspetto sinuoso, quasi serpentiforme delle corna. Anzi, decisamente serpentiforme (fig.2).

Gli inizi incerti dello scarabeo di Monti Prama

di Leonardo Melis


Lo SCARABOIDE EGITTIZZANTE di Tipo Hyksos che inizialmente avrebbe dovuto DATARE le Statue di Monti Prama... SPARI' misteriosamente... Il Sovrintendente NICOSIA, che in quei tempi era uscito dai Ranghi denunciando fatti e, misfatti sulle Statue scomparse e riapparse grazie all'impegno di uno studioso e di un giornale sardo...Nicosia, dicevamo, denunciò il fatto, forse non del tutto ignaro di CHI LO DETENEVA... fatto sta che oggi il 90 % delle persone che parla e sa di Monte Prama non sa invece CHI ERA NICOSIA.. perchè sparì dalla circolazione di lì a poco. Si, forse andò in pensione, o forse no... fatto sta che SPARI'. Rimase lo scompiglio creato sulla DETENZIONE DI STATUE E SCARABOIDI vari. Più o meno egittizzanti. Lo SCARABEO salterà fuori in modo "miracoloso" da un CASSETTO. Indovinate da quale cassetto.... a seguito di una ulteriore e ingenua denuncia del collega oristanese di Nicosia. Sì di ZUCCHINO.
to be continued....

Da: "Shardana la Bibbia degli Urim"
Leonardo Melis

Ringraziamo Leonardo per questa testimonianza. Tra le altre cose, la terracotta (oltre l' osso, l' avorio e la steatite invetriata) ci mancava come materiale di questo bistrattato scarabeo. La cui storia recente trovate su questa pagina, finalmente chiarita dall'analisi chimico-fisica

mercoledì 14 novembre 2012

Lo script dei Nuragici: se ne parla a Macomer

L'appuntamento è uno di quelli da non perdere. Patrocinato dal Comune e dal Rotary Club di Macomer ed organizzato dall'Associazione Culturale Solene. Avrete l' occasione di ascoltare Caterina Bittichesu, presidentessa dell' associazione ed archeologa preistorica. Se non la conoscete ancora, potete farlo attraverso una delle sue accuratissime pubblicazioni.  Gigi Sanna lo conosciamo tutti, ora anche attraverso il suo artistico sito: è dal 1996, da quando scrisse il bellissimo "Omines" assieme a Gianni Atzori, che parla e scrive di scrittura dei Nuragici. Macomer non ha bisogno di presentazioni, è semplicemente un luogo d'incanto. 

martedì 13 novembre 2012

Sardinnia dhui fait istazioni


de Efisio Loi
  
                          1                                                                                                                          
De Sennori Deus Onnipotenti                                   Dal Signore Dio Onnipotente
De Ibèria trantzia a mesu mari                                  Dall’Iberia spostata in mezzo al mare
Po nd’imperrari a su Ponenti                                     Come cavalcon verso Ponente
Ca de Levanti depiat arribbari                                   Ché da Levante doveva arrivare
Nen de su candu nen de su cumenti                      Ne il quando ne il come veramente
Pagu serbit immoi a preguntari.                              Poco serve adesso domandare.
De Part’e Bàsciu a Setentrioni                                  Fra Mezzogiorno e Settentrione
Sardinnia dhui fait istazioni.                                      La Sardegna vi fa da stazione.

                               2
Su mari faendu  s’ artzia e cala                                  Nel fare il saliscendi la marina
Dh’at fatu cambiari sa cufromma                             Le ha fatto cambiare i connotati
Immoi depit essi cussa mala                                      Al presente deve essere bruttina
Ca megant de segari truncu e comma                    Ché tagliando le stanno fusto e chioma
Cambiendu de su codhu a sa pala                           Destra e Manca uguale la manfrina
A cumandari funt sempri in Roma.                         A comandare stanno sempre a Roma.
Sa fromma giusta est cosa de non crei                  La forma giusta pur per chi non crede
Depit essiri cussa de unu pei.                                   Sarà proprio quella di un piede.

domenica 11 novembre 2012

L'incredibile storia dei cocci di Orani e le antichissime Tanit sarde

di Atropa Belladonna

Su questa pagina trovate un mio breve post di prefazione e, ben più importante, la cronistoria dei cocci di Orani, raccontata su Nuoro Oggi nel 1996  da uno dei protagonisti, Giulio Chironi. Potete saltare la mia prefazione, ma vi invito a leggervi attentamente lo scritto di Chironi, non vi richiederà più di dieci minuti.  E' estremamente importante, per due motivi: primo, spero che vi produca una sana scarica di adrenalina; secondo, per quello che scrivo nella mia prefazione. Perchè S'Arcu e is Forros cambia, ancora una volta, tutto, e tutto rimette in discussione. 

Figura 1: a. Pendaglio in bronzo dal sito nuragico di S'Arcu e i
s Forros (XII-VII sec. a.C.) (1). b. uno dei 4 cocci di Orani (2)
Eccolo qui, il quarto  tra i reperti che più mi hanno colpito nell' articolo di M.A. Fadda su s'Arcu e is Forros (1). Dopo l' anfora scritta (2), lo scarabeo (3), e la lima fantasma con due lettere, viene il pendaglio in bronzo a forma di Tanit. Leggiamo come lo descrive l' archeologa: [..] un pendaglio di bronzo della dea Tanit* portato nel santuario di S’Arcu e is Forros in un periodo più antico rispetto all’ epoca cartaginese in Sardegna, dal momento che i materiali più recenti del ripostiglio si datano all’VIII-VII sec. a.C.[..] *Non tutti sanno che…: Thanit. La dea più importante a Cartagine, venerata come protettrice della città e del suo impero. Chiamata Phanébalos, ovvero “Faccia di Baal”, la sua effigie compariva nella maggior parte delle monete puniche, ma la sua origine potrebbe essere più antica […]. M.A. Fadda, 2012 (1).
Tralascio la sicurezza con cui si afferma che l’ oggetto venne portato lì, visto che la stessa autrice definisce il sito il più grande centro metallurgico della Sardegna nuragica e forse poteva venirle almeno il dubbio che l’ oggetto bronzeo fosse di produzione locale. Tralascio anche il fatto che si è consapevoli già da un pezzo che questo segno è ben più antico dell’ epoca cartaginese: non mi aspetto che la dottoressa legga gli articoli a costo zero in proposito (4), ma almeno il lavoro della Sader e quello della Teisser dovrebbero essere ben noti tra i professionisti (5). 
Il punto però non è quello, il punto è che quello è un segno a Tanit, in bronzo, rinvenuto in un sito nuragico (Shardana direbbe Leonardo Melis, Sardiano direbbe Mikkelj Tzoroddu) e che l’ archeologa non si sogna neppure di classificarlo come una contraffazione: come mai? Io credo che dovrebbe farlo, visto che 18 anni fa - come testimonia Giulio Chironi- già si era trovata fra le mani la prova che non furono i Cartaginesi a portare la Tanit in Sardegna, in quanto se la trovò incisa su un coccio che Lilliu non esitò a classificare nuragico; nuragico sì ma contraffatto perché conteneva segni impossibili.

sabato 10 novembre 2012

Picture of the day

Left,  Button seal, Egypt, First Intermediate Period (2181-2055 BC)
UC 20482, Qau 4850; Right, Nuraghe Nurdole of  Orani (NU),

          detail of a coronation quoin (Archaeological Museum of Nuoro, Sardinia)


Il ritorno di Abraxas

Cara Graziella, finalmente! finalmente condividi con tutti noi la tua esperienza, la tua innovazione, i tuoi risultati, le tue parole. Ti facciamo i nostri migliori auguri, ma sappiamo bene che non ne avrai bisogno. Permettici solo di condividere alcune tue frasi ed una delle foto più care. Un caro saluto anche ai tuoi ragazzi,  cui tu hai dato armi di indagine potentissime. 


[..]Quale metodo adottare, dunque, affinché la verità storica sia quanto più possibile scevra da inganni?
-    Intanto, come sempre nella ricerca, bisogna privilegiare un atteggiamento di grande umiltà, pazienza eflessibilità intellettuale: mai arroccarsi sulle proprie convinzioni e/o pretendere la loro imposizione acritica;
- Il campo di ricerca è sconfinato e continuamente soggetto ad aggiornamenti/ridefinizioni/cambiamenti;
-  La ricercazione deve essere mirata alla definizione del contenitore entro il quale si muovono i contenuti oggetto di studio: ogni dettaglio del quadro è importante, ma molti dimenticano la cornice in cui il quadro è contenuto;
-  Perseguire, con open mind, nuove strade di conoscenza laddove l’approccio consueto sia risultato fallimentare e da riscrivere, disposti ad abbandonare metodi rigidi utili ai fini del dato immediatamente obiettivo, ma incapaci di sondare spazi di indagine più profondi, per esplorare i quali è necessario dotarsi di strumenti intellettuali e culturali differenti.[...]
Graziella Pinna Arconte, da SA PREDA ‘E S’ARRAGODU, APPROCCIO LOGICO CON LA CONOSCENZA

venerdì 9 novembre 2012

Scritta di Tharros. Garbini: la buia 'dimora' filistea di Ba'al Zebul'. No, il tempio luminoso e la dimora eterna di 'el yhwh (I)

Dedicato a Zua' 
Figura 1                                                      Figura 2
Prefazione

 Intendevamo parlare da tempo, nella nostra continua attività di pubblicazione e di rassegna di documentazione scritta nuragica, di un certo documento 'tharrense' in concomitanza dell'uscita di un articolo su di una brocchetta nuragica; singolare manufatto quest'ultimo, della cui esistenza fa fede il libro di Giovanni Fadda (1) pubblicato nel 2004. L'articolo di M. A. Fadda (2) sui ritrovamenti di  S'Arcu 'e i Forros sulla scritta 'nuragicissima' ma ritenuta assurdamente 'filistea' da G. Garbini (e naturalmente dalla stessa autrice dell'articolo), mi induce a precorrere i tempi e a porre in primo piano, stante la tematica sviluppata e ancora in corso in queste settimane, detta brocchetta; ma ancor prima di essa  il documento, anch'esso ritenuto filisteo, del cosiddetto 'tempio punico' di Murru Mannu. Già dalla presentazione delle due fotografie e dalle immagini di esse  un lettore attento (e che, soprattutto, già conosce il saggio preliminare  del Garbini sul documento di Tharros (3) e il libro successivo  sui Filistei, potrà  riuscire a intuire subito il perché del nostro  confronto.

1. G. Garbini alla 'caccia' di documentazione attestante l'espansione dei Filistei.     

   Lo studioso Giovanni Garbini, nel tentativo di dare sempre più consistenza alla sua tesi sulla presenza di una potenza filistea nelle coste del Medio Oriente e della forza espansiva di questa intorno all'XI e X secolo a.C., cerca legittimamente, con tutti i mezzi a disposizione della ricerca storica,  di documentare  la vitalità degli 'antagonisti di Israele'. Cerca quindi di trovare  anche in Sardegna, ove possibili,  'prove' inoppugnabili (letterarie, toponomastiche, epigrafiche e sfragistiche) in grado di attestare e confermare scientificamente quella presunta espansione e quella potenza. Nel precedente articolo avevamo citato  lo scarabeo di Tharros e il toponimo di Cuccuru de Gadara (4). Ma la ricerca del Garbini non si ferma qui in quanto sul piatto della bilancia degli elementi probanti lo studioso pone ancora il dato toponomastico di Macompsisa /Macomer (5) e soprattutto (lo ritiene del tutto o abbastanza  sicuro) il dato del testo filisteo dell'iscrizione di Tharros (fig.1) rinvenuto, stando ai dati  archeologici,  in un muro di un 'tempio punico'.   

giovedì 8 novembre 2012

Sa mraiàrxa ‘e su Sinis

Oggi c'era in programma un altro post. Improvvisamente però Gigi Sanna ha deciso di compiere gli anni. Simultaneamente ci è arrivato questo racconto, che proviene dalle millenarie tradizioni del Sinis, riportato in vita da una persona che, potete crederci, sa il fatto suo. Quindi glielo regaliamo, in due lingue. Auguri Gigi! MP

de Graziella Pinna Arconte

Ohi, ta dannu Pepigheddu! Je seus pagu pòburus … Eus prèdiu totu!! Mabàdita sìat ‘e carestia ... Abarradìdda, ka je est nodìa po donnia messaiu e piscadori de sa idda nosta, immòi! Toka … faimì su prexeri … Torraddu a provai cussu fròmentu, a biri chi fait a ‘ndi scrufi unu kantigheddu ‘e pani po custa criatura nosta”.
Ommài Arega, sa pobìdda de Pepigheddu, non si jadìat paxi. Issa, Pepi, cun su filligheddu, fìant sperrendisì de su famini nieddu. Nudda ddi si fìat abarràu: su cunjàu de Sinis ddi si fìat siccàdu a postù … Cussu pagu de arrakàtu chi tenìant me in domu si ‘ndi dd’aìant furàu àterus prus poburus de issus.
Me in bidda fut cabada kunkùna arravessa maba: fìat ses mesis kentza ‘e pròi nudda e totu sa jenti fìant mòladius a callantùra ‘e fogu. Donnia diri medas atterrànt is kasìddus de sa dibillèsa fotti.
Pepigheddu fìat totu dilliriàu.

La maga del Sinis

di Graziella Pinna Arconte

-“Oh, che guaio Pepigheddu! Come siamo poveri … Abbiamo perso tutto!! Maledetta sia questa carestia … Altro che se è nota a tutti i contadini e ai pescatori del nostro paese, adesso! Dai … fammi il piacere … Prova di nuovo quel lievito, magari riusciamo a ricavarci un pezzetto di pane per questa nostra creatura!”.

Comare Arega, la moglie di Pepigheddu, non si dava pace. Lei, Pepi e il loro figlioletto, si stavano spaccando in due per la fame nera. Non era rimasto loro nulla: il pezzo di terra in Sinis si era seccato completamente … E le misere provviste che avevano in casa gliele avevano rubate altri più poveri di loro.
In paese si era abbattuta una brutta calamità: da sei mesi non pioveva e molte persone si erano ammalate di malaria perniciosa. Tutti i giorni molti morivano anche a causa della forte debolezza.
Pepigheddu era disperato.

mercoledì 7 novembre 2012

Foto del giorno

                                                   da Il rame di Cipro, la regina di Ugarit e la Sardegna di Atropa Belladonna - Maggio 2011- GianfrancoPintore blogspot


sabato 3 novembre 2012

De Bruculino a Buoncamino


di Efisio Loi

Fu’ castiendi sa baligia de cartoni posta in pitzus de s’armariu scoscimingiau, in s’aposenteddu aundi biviara, po su bonu coru de sa tzia, a tretu de sa cresia de Santu Franciscu in sa Marina. S’irea de sind’andai a disterru no ddi praxiat mera. Su soli e su clima sganiu  de Casteddu fiant unu niciu fatu a posta po issu.
Perou de unas cantu disi ddi furriotàr’ in conca un’ arrexionamenteddu: “Mi fatzu totus is paperis po mi ‘nd’ai in America, a Nuova York, a Bruculinu. Prontus, prontus depint essi, a is bortas non mi serbant de pressi. Puita, ingunis, no’ est comenti de innoi, logu de mortus de famini, aundi non c’esti mancu su ranti de ndi sgobai su chi abastar’ a ponni in pari su prangiu cun sa xena. Ingunis c’est su proibitzionismu, mi ddat nau Chicchinu chi ddat ligiu in su giornali, e bendendi s’alcol a martinica, intrendi in su giru giustu, c’est de fai su dollaru a puntaras de pei.”
Sa baligia ndi dd’iara sgobbara a unu gabbillu in sa stazioni de is Ferrovias Realis, aundi andara giai dogna mengianu po alluscai su movimentu, de si fai assumancu su rantixeddu po sa giornara. Su tziu ndi fu’ calau currendi de sa vettura, prima ancora de si firmai, e nci furi intrau a su cessu, lassendi su bagagliu in foras. O furi a scagaredda o fut mortu de pisciai. Cumenti iar’acabau is bisongius e ndi fu’ bessiu, iar’incumentzau a agitorius… ca ndi dd’iant furau sa baligia… Ma Fisinu nci fiara giai a s’atra parti de su Palatziu Municipali, fattu a nou de unus cant’annus, de fronti a su portu.
Mancai fessat grai, sa baligia, tocàr’a scarpinai po no aturai a curtzu de is boxis de cudd’omini chi ndi poriant fai suncurri sa pulosa. E poi non biria’ s’ora de dd’oberri po bi’ ita rotu fut cussu  graiumini chi portara a tragu. Sartau de pressi su Largu, nci fur’intrau a pioti a pioti in is arrughixeddas de sa Marina e sinci fur’istichiu in d-unu prociu scuriosu. “Sa mama chi r’at fatu!” Non si fu’ poderau de nai a boxi arta, cumenti iar’obertu sa valigia, “Gi est po cosa chi mi seu sperrumau currendi. Mallu… picu… massolus e agullinus… totu imboddiau a itzapulus… E ita fu’ picapalderi su tziu? Custas cosas, sceti a ddas biri, mi ndi faint intrai su frius e sa callentura.Prestu, allontanu de mei!”  E nc’iar’arrimau in d-unu currungoni totu s’atretzadura, ca fur’acanta de ddi pigai a gana mala.

venerdì 2 novembre 2012

Creare scrivendo ed indossare formule

di Atropa

Sto leggendo un affascinante libro sull’ arte egizia, su come essa venisse non solo influenzata dalla abitudine egiziana di pensare in geroglifici, ma anche come essa potesse essere composta di segni non solo evocativi e simbolici, ma leggibili come sequenze fonetiche. L'autore è Richard H. Wilkinson, dell’ Università dell’ Arizona, che ha lavorato in Egitto per 25 anni. E’ un libro alla portata di tutti, anche come prezzo (1). Come esempi “forti” l’ autore analizza 100 geroglifici ed il modo in cui venivano combinati per dare delle vere e proprie formule scritte con oggetti o dipinte. A me sta facendo capire sempre più cosa intende Gigi Sanna quando parla di scrittura “con” e scrittura monumentale (2). Solo un assaggio per ora, l’ amuleto in figura, risalente al Medio Regno (2055-1650 a.C.); si legge “Jeb netjeru-hotepIl cuore degli dei è soddisfatto” (1, pg. 162): combina il geroglifico centrale per cuore (jb), il segno hotep (tavoletta votiva) e due segni per “Dio” (le bandierine ntr). L’arte però è arte, ed i quattro geroglifici sono anche composti in modo armonico; l’ amuleto utilizza segni di forte valenza simbolica, che però rendono anche un preciso valore fonetico; la lettura inizia dal segno centrale per cuore. Wilkinson ci avverte però che per leggere l' arte bisogna capire per bene i geroglifici, anche nel loro valore simbolico e nella loro polisemia. [..]The individual "ideographic" elements of Egyptian pictures must be "read" like the signs of an inscription, whether they are shown overtly, or as in other cases, more subtly [..]. In pratica se ci si vuole capire qualcosa, se si vuole davvero esplorare l' associazione tra simbologia e fonetica in un certo tipo  di scrittura con, bisogna studiare ed osservare con quattro occhi. Chi indossava quell' amuleto, non portava solo simboli legati alla sfera del sacro: indossava anche una formula scritta; chi lo creava, costruiva un oggetto ornamentale e sacro e, allo stesso tempo, scriveva. Tali concetti sono chiaramente distanti dal concetto di scrittura legata all' amministrazione di una città, ma non sono certo incomprensibili: basta pensarci.
L' amuleto in figura è sostanzialmente bidimensionale, come lo sono i geroglifici che compongono certi dipinti (1); questo rende la scrittura con più accettabile ai nostri occhi, come anche quella in alcuni oggetti tridimensionali sostanzialmente "piatti" (3). Altra cosa è la scrittura con la scultura, di cui però vedremo esempi così chiari ed eclatanti da togliere ogni dubbio. Alcuni formano crittogrammi, rebus, indovinelli: famosissimo quello inventato da Senemut per la regina Hatshepsut, una vera e propria promotrice della scrittura enigmatica, per scrivere il suo nome regale Maatkare. Sarà l' oggetto del prossimo post su questo argomento perchè, ovviamente, ne abbiamo un esempio anche in Sardegna, pubblicato- ma non compreso in tal senso- da Hölbl nel 1986.

(1) Wilkinson, Richard H., Reading Egyptian Art: A Hieroglyphic Guide to Ancient Egyptian Painting and Sculpture, 1994, Thames and Hudson.
(2) Sanna, Gigi, Sardôa Grammata, 2004, S’ Alvure ed.
(3) Belladonna, Atropa,  Scrivere con gli oggetti: in Egitto lo facevano già 5000 anni fa, 18.01.2012, http://gianfrancopintore.blogspot.it/